Scuola secondaria di primo grado

Conoscerci per migliorarci

1E

I.C. Gorizia 1

Descrizione progetto:

Il video, realizzato da una classe prima della scuola media, parte dalla raccolta di idee di tutti gli alunni, che dopo alcuni giorni di dibattito e riflessioni guidate, hanno dato vita ad una breve storia che potesse parlare dell'utilità dei dati per conoscere la propria città. In particolare si è scelto uno dei temi proposti dal materiale fornito, quello ambientale. I ragazzi hanno voluto inserire nello storytelling, non solo i dati messi a disposizione dell'Istat, ma anche quelli raccolti da essi stessi imitando i modelli di raccolta conosciuti.

Percorso didattico:

La classe 1E arriva alla realizzazione del video dopo un lungo percorso iniziato sui libri di testo. Dai testi i ragazzi hanno imparato cosa è la Statistica, cosa sono i dati assoluti e quelli percentuali e si sono esercitati a trasformare in grafici di diverso tipo (grafici a torta, istogrammi, diagrammi cartesiani, infografiche) i dati. Contestualmente hanno imparato l'importanza della raccolta dei dati, come strumento fondamentale per conoscerci e di conseguenza per migliorare la nostra vita. La nostra scuola quest'anno si sta impegnando in una graduale trasformazione verso un modello quanto più sostenibile possibile. Nasce così l'idea di servirci della statistica per conoscere meglio le nostre abitudini relative al rispetto ambientale. Quante aree verdi abbiamo? Quanta raccolta differenziata si fa nel nostro Comune? Quali materiali differenziamo maggiormente? Qual è la differenza con altri Comuni della Regione e con altre realtà italiane? Abbiamo trovato risposte grazie ai tanti dati forniti dall'Istat. Ma gli alunni hanno voluto fare un passo in più, hanno provato essi stessi a raccogliere dati. Guardando i modelli Istat proposti hanno provato a fare una raccolta di dati sui propri consumi di plastica. I dati raccolti sono stati oggetto di riflessione in classe e punti di partenza per soluzioni possibili per la riduzione dei risultati avuti. Incoraggiati dal successo di questo auto-sondaggio, hanno deciso di provare a creare un sondaggio online coinvolgendo amici e parenti residenti nel Comune e pubblicizzando il link con l'aiuto degli adulti attraverso social e messaggi. La partecipazione ha superato le aspettative, raccogliendo in pochi giorni più di 150 risposte. Il sondaggio, anche in questo caso, era incentrato sul consumo di plastica. Anche in questo caso, i risultati sono stati oggetto di studio e riflessione e hanno dato vita a idee per migliorare comportamenti sbagliati. Pertanto, il percorso didattico è stato decisamente attivo e coinvolgente in tutte le sue fasi.