Scuola primaria

Siamo un convitto nazionale, non una scuola di quartiere

5B

Convitto Maria Luigia

Vedi elaborato

Descrizione progetto:

La nostra idea creativa nasce dall'analisi della nostra situazione di mobilità purtroppo poco sostenibile: siamo 26 alunni della quinta B del Convitto Maria Luigia della città di Parma, patria del Parmigiano-Reggiano, del Prosciutto crudo e del compositore Giuseppe Verdi. Stiamo studiando che Parma si trova in Emilia Romagna, nel nord est dell'Italia e, quest'anno, è niente di meno che CAPITALE DELLA CULTURA 2020. Siccome non siamo una scuola di quartiere, molti di noi abitano lontano e ci risulta difficile spostarci da casa a scuola senza utilizzare mezzi, purtroppo, poco sostenibili. Abbiamo perciò attivato, durante gli ultimi due anni, una serie di percorsi che ci insegnano come sarebbe preferibile vivere il nostro territorio e ci preparano a decifrare il codice della strada per poterci muovere, man mano cresciamo, sempre più autonomamente e nel rispetto dell'ambiente. Abbiamo così analizzato i dati relativi ai nostri spostamenti imparando a rappresentarli graficamente e ad analizzare le percentuali.

Percorso didattico:

Come sempre, in questi 5 anni, ogni volta che impostiamo un nuovo percorso didattico, lo portiamo avanti tutti insieme, aiutandoci a vicenda e lavorando a squadre per essere sempre di supporto l'uno per l'altro. Nel caso specifico del percorso Istat, abbiamo steso l'idea tutti insieme e poi, a gruppi, a coppie e a turno, ci siamo attivati per sviluppare graficamente la nostra conoscenza del territorio in cui abitiamo e il rispetto dell'ambiente che portiamo avanti come possiamo, collaborando con la scuola e con la famiglia. noi 26 alunni siamo diventati 26 triangolini, 18 rosa quante sono le femmine e 8 blu quanti sono i maschi. Ci siamo anche rappresentati graficamente con un istogramma purtroppo molto banale perché quasi tutti possiamo venire a scuola solo in automobile. Abbiamo imparato a calcolare la percentuale, cosa che prima non sapevamo fare. Dopo aver disegnato i mezzi con cui veniamo a scuola, ci è venuta l'idea di abbellire il cartellone con altri disegni rappresentativi del nostro territorio: la sagoma dell'Emilia Romagna, il volto di Giuseppe Verdi, la facciata della nostra antica e bellissima scuola. Non ci siamo, infine, dimenticati di onorare la città sottolineando che, quest'anno, siamo Capitale della cultura. quello che avete sotto gli occhi è il nostro risultato.