Scuola secondaria di primo grado

#ISTATTINPUGLIA

3B

I.C. G. Rodari

Descrizione progetto:

Come transfer comunicativo abbiamo scelto di realizzare un video che racconti il nostro territorio, “la Puglia” con un pizzico d’ironia. Il video è stato girato in aula con uno smartphone e all’interno sono state inserite slides con grafici inerenti il dato statistico oggetto di studio.

Percorso didattico:

Le fasi di realizzazione del percorso didattico sono state essenzialmente 3: FASE 1: La docente di matematica ha spiegato ai ragazzi, cos’è la statistica e a cosa serve, utilizzando i moduli 1 e 2 forniti dall’ISTAT, si è soffermata sul significato di Censimento e la sua storia e sull’importanza dei dati forniti. Successivamente, con l’ausilio del modulo 3 è stato spiegato come leggere i dati e come utilizzare le banche dati fornite (8milaCensus, l’atlante statistico dei Comuni). Gli alunni muniti di un proprio pc, hanno visionato i dati ISTAT presenti nei quattro percorsi tematici (popolazione, salute e societa’, ambiente e territorio, tempo libero) e realizzato delle tabelle in cui hanno raccolto i dati relativi alla nostra regione. Infine, dopo aver visionato tutti i video presenti nel modulo 3 come esempi di prodotti di comunicazione statistica, si è giunti alla conclusione che il transfer comunicativo più efficace è il video in chiave ironica. FASE 2: in questa seconda fase, con il docente di tecnologia, gli alunni hanno selezionato i dati raccolti e hanno creato dei grafici. Sulla base dei dati selezionati, a partire da un brainstorming, il docente ha buttato giù una bozza di sceneggiatura, dalla quale sono poi scaturiti script e storyboard, successivamente arricchiti e completati con il contributo attivo degli stessi ragazzi. FASE 3: nell’ultima fase, dopo un breve setting pre-produttivo, nel quale si sono definite parti e staff, docenti e ragazzi si sono cimentati nella fase di sviluppo e produzione, realizzando il cortometraggio con l’ausilio di un paio di smartphone. La location scelta per le riprese è stata la stessa aula scolastica. Nel post-produzione, dopo aver preparato grafici, texture e textlayers da sovrapporre nello streaming, si è scelto di utilizzare un software gratuito (freeware) per l’acquisizione, conversione e montaggio dei video.